In un vortice di polvere

fotografie di Annalisa Vandelli. A cura di Tatiana Agliani e Uliano Lucas


da: Dom, 23. Luglio 2017
 a: Dom, 20. Agosto 2017
tutti i giorni ore 18-22 (lunedì chiuso)
Galleria Sotto l'Arco
ALTIDONA, FM
Mappa

Diciannovesima edizione della mostra estiva che l'associazione Altidona Belvedere dedica al fotoreportage. L'iniziativa, realizzata grazie al sostegno della Fondazione della Cassa di Risparmio di Fermo e del Comune di Altidona, vede quest'anno la presenza di 70 fotografie di Annalisa Vandelli, selezionate da Tatiana Agliani e Uliano Lucas.

Scrittrice e fotoreporter free lance, Annalisa Vandelli ha raccontato diversi Paesi tra cui Etiopia, Nicaragua, Tunisia, Guatemala, Pakistan, Territori Palestinesi, Kenya, Saharawi, Egitto, Albania, El Salvador, Giordania, Libano, Mozambico ed Eritrea. Suoi lavori sono apparsi su Il Corriere della Sera, Rai, La Repubblica, Avvenire, L’Espresso, Huffington Post, Famiglia Cristiana, Dire ed altri. Ha scritto due spettacoli teatrali e pubblicato 13 libri (alcuni tradotti in inglese e spagnolo). Ha ricevuto il riconoscimento internazionale Profilo Donna, il Premio Nazionale Mediterraneo, la menzione d’onore all’Albero Andronico e il premio giornalistico Hombres. Tiene il seminario di fotogiornalismo presso l’Università di Roma 3.

Come scrivono Tatiana Agliani e Uliano Lucas rivolgendosi alla Vandelli, “è stato l'inizio di un viaggio, di una nuova vita in itinere che ti hanno visto affiancare ad una scrittura letteraria dalla grande forza poetica e immaginifica il linguaggio della fotografia e dare sostanza alla tua percezione della realtà attraverso i giochi delle forme oltre che a quello dei suoni. Dieci anni di parole e immagini, dieci anni di notizie e riflessioni, che ci interrogano su un Sud del mondo che continuiamo a non vedere, a non considerare, malgrado migliaia di migranti ce ne portino quotidianamente i drammi e i problemi con le loro vite spezzate, malgrado le nostre scelte di vita e le nostre politiche abbiano condizionato la sua storia recente e passata. Quasi che i confini del mondo ancora oggi si fermassero alle Colonne d'Ercole. (…) E hai fatto tutto questo con una delicatezza che si scopre negli sguardi che ti vengono restituiti dalle persone ritratte. Con una fotografia partecipe che abbandona il mito dell'obiettività per entrare nella vita dei protagonisti delle immagini”.

La mostra rimarrà aperta fino al 20 agosto tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle ore 18 alle 22.

Cosa Vedere

Cosa Sapere

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina