Cantico di Lode

incisioni e dipinti di Antonio Battistini


da: Gio, 6. Luglio 2017
 a: Dom, 23. Luglio 2017
Novilara, Casa Picena della Cultura e delle Arti
PESARO, PU
333.3866081
www.candelara.com
Mappa

La mostra è il primo appuntamento della rassegna espositiva “NovilarArt”, che da due decenni animali il piccolo borgo di Novilara. Da quest’anno le rassegne espositive nella “Casa Picena della cultura e delle arti” saranno ospitate al piano terra dell’edificio. Gli spazi sono stati completamente riallestiti grazie al progetto del socio fondatore dell’AIIA Gerardo Prosperi in accordo con il Consiglio di Quartiere n. 3. Antonio Battistini ha dedicato tutta la sua vita alla famiglia e all’arte. La sua è una vita trascorsa interno alla scuola: prima da studente e poi da professore. Il relatore ne traccerà il profilo biografico, per ripercorrere l’evoluzione artistica ma, soprattutto, per sottolineare come le sue opere, in cui è protagonista la natura, sono una semplice preghiera visiva, un inno al Padre ed alle sue creazioni. Attraverso le sue incisioni e pitture Battistini ci invita come un nuovo San Francesco a lodare Dio per la bellezza del territorio, attraverso la raffigurazione delle nostre colline verdi e dolci fa assaporare al visitatore la meraviglia del “creato”. La sua campagna è coltivata e abitata dall’essere umano, chiaro e forte il suo messaggio, ancor oggi molto attuale, la società attuale che deve portare rispetto verso il creato, che invece spesso trascurato e bistrattato a favore di altri interessi meno nobili!

Battistini non è stato solo incisore e pittore, ma anche poeta, e anche con le parole come con il gesto ha portato avanti gli stessi temi: la professoressa Silvia Cuppini a proposito scrive: “La luce delle tue poesie e delle tue immagini è l’espressione di un desiderio e più ancora di una certezza di poterla raggiungere nella pienezza”. Italo Mancini, 1981 scrive: “E allora cos'è questa insonne natura di Antonio Battistini ? E' un gesto ossia non e un messaggio ne ideologico ne linguistico, non e dominato dall'idea, ma da libero gusto di produrre forme pittoriche, gioco di colori e ritmi, che asseconda la vocazione alla forma degli elementi naturali”. 

La mostra rimane aperta fino a domenica 23 luglio 2017, visitabile il sabato e la domenica dalle 21-23. Sarà possibile richiedere visite in altri orari contattando l’accademia AIIA.

Cosa Sapere

PESARO

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina