L'origine dei Musei civici marchigiani

 

Lo studio ricostruisce la cronologia delle vicende, le procedure adottate dai pubblici uffici e il sistema di norme predisposte per la conservazione del patrimonio artistico appartenuto alle corporazioni religiose marchigiane soppresse nel 1861. Furono istituiti così i musei marchigiani per custodire ed esporre la cultura cittadina, cioè salvaguardare un patrimonio di identità locale.

Sottotitolo: Le civiche gallerie d’arte della Provincia di Macerata dopo l’Unità

Autore: Mauro Compagnucci

Genere: storia dell’arte

 

Editore: Il lavoro editoriale, Ancona 2017

Devi effettuare il login per inviare commenti

Altro in questa categoria:

Cosa Sapere

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina