Museo di Orci e Orciai

e della Banda Grossi - Barchi

Il museo si articola in due sezioni in sé indipendenti, ma unite dal fatto di documentare attività e vicende che hanno segnato profondamente la vita e l'immaginario del territorio.

La lavorazione della terracotta per trarne vasellame di uso agricolo e domestico è attestata a Villa del Monte almeno dal '700.
Negli anni '50 del secolo scorso erano ancora attive 10 fornaci e oltre 60 famiglie. Gli artigiani locali possedevano una loro particolare tecnica, chiamata "a lucignolo" che distingueva il loro prodotto. Tra i vasi più richiesti era il tipico orcio panciuto nel quale si conservava o si trasportava nei campi l'acqua attinta dalle sorgenti o dai pozzi.

Il museo propone, oltre all'illustrazione di materiali e tecniche, anche una campionatura del vasellame tipico prodotto, la cui forma era dettata dalla funzione, ma non priva di una sobria eleganza.
Chi lo voglia potrà inoltre provarsi nella produzione personale di un souvenir utilizzando la creta messa a disposizione dal museo.

Gli anziani ancora favoleggiano, con un misto di ammirazione e di riprovazione, delle imprese della Banda Grossi, un gruppo di locali che operò nel territorio negli anni attorno al 1860.


Ne era capo Terenzio Grossi (1832-1862), che trovò protezione in compiacenti canoniche e anche nella popolazione ostile al nuovo stato voluto dai Piemontesi. Un ambiente del museo destinato a raccogliere la documentazione ancora reperibile su questa vicenda che fa parte della piccola storia locale, ma si iscrive bene nel più vasto quadro della fine dello Stato della Chiesa e degli inizi del Regno d'Italia.

fonte: www.comune.barchi.pu.it

Informazioni aggiuntive

  • citta: BARCHI
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cosa Sapere

BARCHI
  • Il centro storico, detto comunemente il castello, è completamente protetto da un'alta cinta muraria medioevale, perfettamente conservata, sotto la quale,…
    Leggi tutto...

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina