Cupramontana, l'itinerario

Una passeggiata nella Capitale del Verdicchio

È facile identificare Cupra Montana con la produzione del vino Verdicchio. L’appellativo di “Capitale del Verdicchio”, che gli viene riconosciuto da oltre mezzo secolo, l’adesione all’Associazione Nazionale “Città del vino”  e la Festa dell’uva, avviata nel 1928, concorrono a rafforzare questa relazione.

A Cupra Montana la coltivazione della vite ha una lunga tradizione, che risale ai secoli XVII-XI, quando i monaci la reintrodussero dopo la guerra greco-gotica (sec. VI) che aveva distrutto l’antico municipio romano. Nel corso del sec. XIX si intensifica la coltivazione e nel 1968 il Verdicchio dei Castelli di Jesi, nella cui area di produzione rientra Cupra Montana, ottiene il riconoscimento D.O.C.

Legato a questa specificità del territorio è il Museo Internazionale delle etichette del vino, compreso nel Sistema Museale della Provincia di Ancona. L’originale museo, ospitato nel settecentesco Palazzo Leoni, raccoglie circa 100.000 etichette distribuite in tre sezioni. La sezione storica comprende le etichette dei primi del Novecento, rappresentate soprattutto dai grandi nomi francesi. Sono documentante anche le etichette legate alla produzione locale, tra le quali l’etichetta apparsa nel 1954 sull’anfora, disegnata dall'architetto Antonio Maiocchi, della Fazi Battaglia, che contribuì alla fama di questo vino. La sezione contemporanea presenta etichette provenienti da tutto il mondo ed è molto suggestiva perché contribuisce a far scoprire i gusti grafici e soprattutto la percezione della propria terra tradotta in immagine sulle etichette. L’allestimento propone anche delle serie legate a personaggi o avvenimenti specifici, come quella disegnata da Giorgio Forattini in occasione dei Mondiali di Calcio del 1990, quelle degli anni Quaranta e Cinquanta, che traggono spunto dai manifesti cinematografici, ecc. La sezione artistica è in continuo incremento, per il suo legame con la manifestazione Vinimmagine, dedicata al pittore e scrittore Luigi Bartolini, in occasione della quale  grandi artisti contemporanei propongono i loro bozzetti. Il museo promuove anche il Premio Nazionale dell’Etichetta d’oro, con il quale vengono premiate le etichette dei vini posti in commercio.

Il territorio di Cupra Montana documenta anche la sua storia millenaria, che risale probabilmente al VI-V secolo a.C. Della sua esistenza romana rimane il tracciato delle terme, nei pressi dell’attuale cimitero, e i resti della cisterna dell’acquedotto. Il sito attuale, più elevato rispetto a quello del periodo classico, venne occupato a partire dal Medioevo. La fisionomia prevalente della cittadina risale al sec. XVIII, per la presenza di numerosi edifici costruiti in questo periodo: il Palazzo Comunale, realizzato in stile neoclassico, che conserva delle lapidi di epoca romana e medievale e alcuni dipinti dei secoli XVII e XVIII; la Chiesa di San Leonardo, ricostruita nel 1760 su una chiesa del secolo XII; la Chiesa di San Lorenzo, con tele di Pietro Locatelli (1640-1710) e Francesco Appiani (1704-1792); l’attuale Chiesa di S. Maria della Misericordia, che sostituì la chiesa originale del secolo XIV; la Chiesa di San Giacomo della Romita, che conserva un altare di scuola robbiana (1529) pertinente all’antica chiesa cinquecentesca.

Fuori dal centro storico si segnalano l’Eremo di San Giuseppe delle Grotte (o dei frati bianchi), di fondazione camaldolese, l’area floristica protetta Bosco dei frati bianchi e la Chiesa abbaziale del Beato Angelo, di antichissima fondazione ma ricostruita nel 1853, all’interno della quale si conserva una Incoronazione della Vergine (1496) di Pier Francesco Fiorentino. Interessante è anche il castello di Poggio Cupro, con struttura muraria medievale e la quattrocentesca Chiesa di San Salvatore.

Per informazioni: Ufficio turistico 0731.786845; Comune 0731.786811

da vedere:

Museo Internazionale delle etichette del vino, Palazzo Leoni, Corso Leopardi 58

Orario: dal 21 al 24 marzo ore 15-19; da Pasqua al 30 giugno, sabato ore 16,30-19,30 e domenica ore 10.30-12.30 e 16.30-19.30; luglio e agosto dal giovedì alla domenica ore 17-20, anche a richiesta al n. verde 800439392

a cura di Monia Mazzetti

Informazioni aggiuntive

  • citta: CUPRAMONTANA
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cosa Sapere

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina